centro di neuropsicologia a foligno
Neuropsicologo

La neuropsicologia appartiene all'area delle neuroscienze e studia i processi cognitivi ed emotivo-comportamentali correlandoli con i meccanismi anatomo funzionali che ne sottendono il funzionamento; essa si basa sul metodo scientifico e sul quadro teorico proposto dalla psicologia cognitiva la quale considera la mente un “elaboratore di informazioni”.

Il neuropsicologo clinico applica le conoscenze della neuropsicologia alla diagnosi, la gestione e la riabilitazione delle persone con deficit in specifiche funzioni  quali il linguaggio, l'attenzione, la percezione, l'organizzazione motoria, la memoria, l'apprendimento e la regolazione del comportamento.

Nell'ambito dell'età evolutiva il neuropsicologo è coinvolto nelle diverse fasi del percorso terapeutico, confrontandosi con tutte le figure coinvolte; in particolare il neuropsicologo:

  • avvia il percorso diagnostico attraverso un'approfondita raccolta anamnestica che consente di orientare la valutazione; nell'ambito dell'età evolutiva è fondamentale raccogliere informazioni sul bambino e i suoi contesti di vita, sulla famiglia e sulle implicazioni psicologiche, affettive e sociali associate a lesioni o disfunzioni del sistema nervoso;
  • conduce colloqui e osservazioni cliniche, somministra test psicometrici e questionari per elaborare, in collaborazione con le altre figure professionali, un'ipotesi diagnostica;
  • progetta, in collaborazione con le altre figure professionali, un intervento individualizzato che tenga conto di tutte le risorse presenti, non solo nel bambino, ma anche nella famiglia e nella scuola, che sono  coinvolte direttamente nel percorso riabilitativo.
  • nell'ambito del progetto d'intervento conduce colloqui di verifica e programmazione, partent training, colloqui di consulenza rivolti ai genitori, colloqui di sostegno psicologico rivolti ai genitori o ai bambini/ragazzi;

In sintesi il neuropsicologo coordina l'equipe multidisciplinare nella presa in carico del bambino con le sue caratteristiche e le sue figure di riferimento, con l'obiettivo di creare una rete che lo accompagni nel percorso di riabilitazione e di crescita. 

Il neuropsicologo può, inoltre, progettare e svolgere eventi formativi, rivolti a genitori, insegnanti e professionisti sanitari, o interventi rivolti ai gruppi classe, mirati a prevenire il disagio, a individuare precocemente i bambini a rischio di un disturbo neuropsicologico, a promuovere il benessere degli studenti e l'integrazione dei bambini con difficoltà, a favorire un clima di classe collaborativo, che valorizzi le differenze individuali.